Successioni e Donazioni

Risoluzione della donazione per mutuo dissenso

2021-06-14T16:20:32+02:0026 Mag 2021|

Il regime fiscale derivante dalla risoluzione di un contratto di donazione per mutuo dissenso è stato oggetto nel tempo di confliggenti interpretazioni. Tale dibattito riflette la contrapposizione di tesi in merito alla qualificazione civilistica di tale fattispecie. Ai fini civilistici, infatti, secondo una prima impostazione, l’atto di scioglimento per mutuo dissenso dovrebbe essere qualificato come una donazione essa stessa (cd. “contrarius actus”). Si tratterebbe, in altre parole, di una donazione “uguale e contraria” rispetto alla precedente. In base a tale tesi, gli effetti della donazione venivano meno con efficacia ex nunc. In base ad una seconda impostazione, tale fattispecie dovrebbe [...]

La donazione con condizione di riversibilità

2021-06-01T17:13:28+02:0019 Feb 2021|

La donazione con condizione di riversibilità è disciplinata dagli artt. 791 e 792 c.c. Si tratta di un istituto, piuttosto trascurato nel nostro ordinamento giuridico, che affonda le proprie radici nella legislazione francese di epoca rivoluzionaria. La condizione di riversibilità consente la restituzione al donante del bene donato, libero da pesi o ipoteche, nel caso di premorienza del solo donatario o del donatario e dei suoi discendenti. L’operare della riversibilità produce l’effetto di travolgere tutte le alienazioni dei beni donati, medio tempore effettuate, a patto che non sia pregiudicata la quota di legittima spettante al coniuge del donatario. La ratio [...]

La donazione con riserva di usufrutto

2021-06-01T17:16:26+02:0001 Feb 2021|

La donazione, disciplinata dall’art. 796 c.c., consente al donante di trasferire la nuda proprietà del bene donato, riservando il diritto di usufrutto a proprio vantaggio e, alla sua morte, a vantaggio di un’altra persona o anche di più persone congiuntamente ma non successivamente. L’art. 796 c.c. si riferisce esplicitamente alla riserva di usufrutto, tuttavia, la dottrina non esclude che la norma sia suscettibile di applicazione analogica, pertanto, oggetto della riserva possono essere anche altri diritti reali di godimento quali l’uso, l’abitazione o il diritto di superficie (è esclusa, invece, la riserva di servitù). L’orientamento maggioritario ritiene che la donazione con [...]

Il legato in sostituzione di legittima

2021-06-01T17:19:31+02:0027 Gen 2021|

Il presente contributo ha ad oggetto il legato in sostituzione di legittima, istituto disciplinato dall’art. 551 c.c. Si tratta di uno strumento con il quale il testatore può tacitare le pretese del proprio legittimario (coniuge, figlio o ascendente) mediante l’attribuzione a titolo particolare di un determinato cespite, evitando che questi assuma la qualità di erede. A seguito dell’apertura della successione, infatti, qualora il legatario-legittimario intenda trattenere il legato perde il diritto di agire in riduzione per conseguire la legittima, anche nel caso in cui il valore del legato sia inferiore alla quota prevista dalla legge. Se al contrario il legatario-legittimario [...]

La surroga del creditore nell’azione di riduzione spettante al legittimario leso o pretermesso

2021-06-01T17:20:46+02:0013 Gen 2021|

Il presente contributo affronta il tema della legittimazione del creditore del legittimario leso o pretermesso ad esperire l’azione di riduzione in via surrogatoria. La questione in esame si pone in quanto non è infrequente che il testatore, al fine di tutelare il patrimonio ereditario dalle aggressioni dei creditori dei propri eredi, disponga, in favore degli eredi indebitati, per una quota inferiore alla legittima o decida di escluderli del tutto dalla successione. Si tratta, pertanto, di indagare i rimedi attivabili dai creditori per il caso in cui i legittimari lesi o pretermessi, anche in accordo con il testatore, trascurino di tutelare [...]

La surroga del creditore nel diritto di accettare l’eredità

2021-06-01T17:21:50+02:0023 Dic 2020|

Il presente contributo ha lo scopo di analizzare i rimedi esperibili dal creditore nel caso in cui il debitore, chiamato all’eredità, trascuri di esercitare il diritto di accettazione. L’inerzia del chiamato, infatti, rischia di pregiudicare i creditori i quali, non potendo contare sull’incremento patrimoniale derivante dalla delazione, non possono vedere rafforzata la garanzia patrimoniale generica loro spettante ai sensi dell’art. 2740 c.c. Ci si chiede, pertanto, se il creditore possa sostituirsi al debitore e, per il tramite dell’azione surrogatoria di cui all’art. 2900 c.c., accettare l’eredità per suo conto. L’azione surrogatoria è un rimedio esperibile a condizione che il diritto [...]

Commento ordinanza corte di cassazione n. 27665 del 2020

2021-06-01T17:22:24+02:0015 Dic 2020|

La Corte di Cassazione, con l’importante pronuncia in commento, si allinea all’orientamento già da tempo prevalente sia in dottrina, sia nella prassi dell’Agenzia delle Entrate (si veda la Circolare n. 30/E dell’11 agosto 2015, par. 1.2, relativa alla c.d. “Collaborazione Volontaria”), in base al quale è essenziale procedersi all’armonizzazione della disciplina prevista dall’art. 56-bis D.Lgs. n. 346/1990 con le norme che disciplinano la reintroduzione dell’imposta sulle successioni e donazioni (art. 2 D.L. n. 262/2006). La questione prende le mosse dalla disciplina impositiva delle c.d. “liberalità indirette”, ex art. 56-bis D.Lgs. n. 346/1990. Tale norma distingue due differenti tipologie di imposizione, [...]

Passaggi generazionali d’azienza, possibile ombra sulle agevolazioni – commento Sent. CC n. 120 del 2020

2020-11-13T16:12:06+01:0013 Nov 2020|

Con la sentenza in commento la Corte Costituzionale si sofferma sulla natura e sulla ratio dell’agevolazione di cui all’art. 3, comma 4-ter del testo unico delle imposte di successione e donazione. A prescindere dalla fattispecie concreta dalla quale scaturisce il giudizio di costituzionalità in discorso, ciò che più interessa è il percorso argomentativo compiuto dalla Corte nell’avanzare numerosi dubbi in ordine alla congruità della norma rispetto agli obiettivi asseritamente perseguiti. Preliminarmente, la Corte si focalizza sulle varie tipologie di agevolazioni distinguendo tra quelle aventi natura “strutturale”, che si rendono necessarie per esigenze di coerenza del presupposto impositivo o per dare [...]

Dichiarazione di successione telematica

2020-09-15T14:46:35+02:0015 Set 2020|

Il Provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 27 dicembre 2016, aveva approvato un nuovo modello per la “Dichiarazione di successione” che gli eredi ed i legatari erano obbligati a trasmettere entro 1 anno dalla morte del congiunto, alternativamente per via cartacea o telematica. L’Agenzia delle Entrate ha prorogato tale possibilità della doppia metodologia di invio sia per l’anno 2018 che per l’anno 2019. Tuttavia col Provvedimento n. 728796/2019 è stato previsto che dal 1 gennaio 2020 non è più possibile presentare la dichiarazione di successione cartacea ma la stessa deve essere obbligatoriamente presentata in via telematica. E’ consentito effettuare l’invio tramite [...]

Esecutore testamentario

2020-09-14T18:46:15+02:0014 Set 2020|

La figura dell’esecutore testamentario ha un’origine molto antica e affonda le proprie radici nel diritto germanico e canonico. Agli articoli 700 e seguenti del codice civile, il legislatore attribuisce al testatore la facoltà di nominare uno o più esecutori testamentari che diano attuazione alle proprie disposizioni di ultima volontà. Di norma il testatore ricorre all’istituto in esame, scegliendo una persona nella quale ripone particolare fiducia, quando teme per la sorte dei beni ereditari o ritiene che non ci siano soggetti interessati all’eredità. Quanto alla natura giuridica, la dottrina più risalente qualificava quello dell’esecutore testamentario come un incarico gestorio fondato su [...]

LIBERALITA’ INDIRETTE – Imposizione Indiretta

2020-07-20T14:23:01+02:0020 Lug 2020|

LIBERALITA’ INDIRETTE – Imposizione Indiretta Riferimenti e Fonti Codice Civile art. 769 Decreto Legge 3 ottobre 2006, n. 262 Decreto Legislativo 31 ottobre 1990, n. 346 Consiglio Nazionale del Notariato Studio 135 – 2011/T Consiglio Nazionale del Notariato Studio 15 – 2018/T Introduzione Il diritto tributario non fornisce una propria nozione di “liberalità non donativa” e pertanto occorre mutuare la definizione dal diritto privato. Ai fini fiscali è opportuno categorizzare le donazioni nella seguente tripartizione: a) Donazioni formali, ovvero le donazioni scaturenti da contratto di cui all’art. 769 c.c., “col quale, per spirito di liberalità, una parte arricchisce l’altra, disponendo [...]