Circa WMNGMNT_Staff

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora WMNGMNT_Staff ha creato 61 post nel blog.

Art. 177, comma 2-bis del TUIR: Il rispetto delle soglie di partecipazione è esteso, applicando l’effetto “demoltiplicativo”, a tutte le società indirettamente controllate dalla Holding oggetto di conferimento.

2021-05-13T14:29:00+02:0013 Mag 2021|

Premessa Il legislatore, mercé l’introduzione dell’art. 11-bis del D.L. 30 aprile 2019 (Decreto crescita), nell’intento di ampliare l’ambito applicativo del cd. regime di realizzo controllato (o di “neutralità indotta”) di cui all’art. 177, secondo comma TUIR, ha arricchito la disposizione da ultimo citata con il comma 2-bis. Ai sensi della cennata novella normativa il regime di realizzo controllato (derogatorio rispetto a quanto previsto dall’art. 9 del TUIR), è subordinato al conferimento di partecipazioni che consentano alla conferitaria di acquisire il controllo ex art. 2359, primo comma, n. 1), c.c.. Il comma 2-bis estende gli effetti della disciplina di cui al [...]

Commento a Risposta ADE n. 266 del 19 aprile 2021 – Ai fini della configurazione come holding finanziaria non rileva l’ammontare e la composizione dell’attivo circolante

2021-05-06T15:48:42+02:0006 Mag 2021|

Il presente contributo è finalizzato ad indagare sul recente orientamento assunto dall’Agenzia delle Entrate in merito alla corretta definizione dell’ambito soggettivo dell’art. 162bis del DPR n. 917/86 (TUIR), quale emerge dalla Risposta ad interpello n. 266 del 19 aprile 2021. Com’è noto, la predetta norma si inserisce nell’ambito delle disposizioni generali comuni ai fini dell’applicazione dell’imposta sui redditi e dell’IRAP. In essa, al comma 1, si procede alla definizione di alcune categorie di soggetti passivi: intermediari finanziari, società di partecipazione finanziaria e società di partecipazione non finanziaria ed assimilati. Al comma 2, si offre una specificazione della categoria “società di [...]

Detrazioni fiscali riconosciute alle persone fisiche che investono in PMI e Start up Innovative

2021-05-04T18:04:39+02:0004 Mag 2021|

La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto l’opportunità, ancora in vigore, per i soggetti persone fisiche che investono nel capitale di PMI e Start up innovative, di detrarre dall’IRPEF, nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta in cui tali investimenti sono effettuati, il 30% dell’importo investito, a condizione che tale investimento sia mantenuto per almeno 3 anni consecutivi e per un importo massimo agevolabile di 1.000.000,00 di Euro. L’ Art. 38, comma 7 e comma 8 del D.L. 34/2020 (Decreto Rilancio) ha introdotto un ulteriore beneficio per le persone fisiche che investono in PMI e Start up innovative, alternativo [...]

Commento a Cassazione, V sez., ordinanza 22 marzo 2021, n. 7973 – Soggettività passiva dei trust e responsabilità solidale del Trustee

2021-04-30T10:33:34+02:0030 Apr 2021|

La Corte di Cassazione, con l’interessante pronuncia in esame, ha fissato alcuni principi meritevoli di commento. Il caso di specie trae origine dalla liquidazione in capo a un trust, operata dall’Agenzia delle Entrate, delle imposte ipotecaria e catastale relative all’atto istitutivo del trust medesimo. Il trustee si è opposto a tale atto di liquidazione dinanzi ai giudici di merito, i quali ne hanno respinto il ricorso, sulla base dell’assunto per cui il trust è dotato di legittimazione passiva ed è, pertanto, a tutti gli effetti un soggetto passivo di imposta. L’ordinanza in oggetto ha dunque affrontato due tematiche di particolare [...]

Commento a Sentenza Consiglio di Stato, Sez. VI, Sent., (ud. 04-03-2021) 29-03-2021, n. 2643: iscrizione telematica start up innovative alla Sezione Speciale del Registro Imprese

2021-04-26T11:24:49+02:0026 Apr 2021|

Premessa Nell’ambito della sentenza in commento, il Consiglio di Stato, accogliendo l’appello promosso dal Consiglio Nazionale del Notariato (“CNN”), ha affermato l’illegittimità del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 17 febbraio 2016 (“DM 17 febbraio 2016”) non solo perché sostanzialmente contrastante con la normativa di rango primario recata dall’art. 4, comma 10-bis del D.L. 24 gennaio 2015 n. 3, ma anche in quanto confliggente con le Direttive europee 2009/101/CE e 2017/1132/UE in punto di controllo preventivo a tutela dei soci e dei terzi. Nello specifico, posto che le norme di rango unionale considerano defettibile l’atto pubblico per la stipulazione [...]

Trust e azione di riduzione

2021-04-26T11:00:40+02:0023 Apr 2021|

Il presente contributo esamina il rapporto tra il trust e la disciplina codicistica posta a tutela dei legittimari. In particolare, si tratta di analizzare i rimedi esperibili dal legittimario del disponente per il caso in cui quest’ultimo abbia vincolato in trust disponendo a favore del trustee di una quota del proprio patrimonio eccedente la disponibile, con conseguente lesione della quota di riserva. La questione sopraesposta, evidentemente, si pone con riferimento ai trust liberali mediante i quali il disponente abbia inteso realizzare, sotto un profilo sostanziale, una liberalità in favore dei beneficiari. Come noto, i trust si sostanziano in una complessa [...]

Note sul trasferimento della residenza fiscale in corso d’anno

2021-04-19T14:14:55+02:0019 Apr 2021|

Residenza fiscale in Italia I criteri per la determinazione della residenza fiscale delle persone fisiche, com’è noto, sono stabiliti dall’articolo 2 TUIR. La norma prevede che sono considerati residenti in Italia coloro che, per la maggior parte del periodo d’imposta: sono iscritti nelle anagrafi della popolazione residente; ovvero hanno in Italia il domicilio o la residenza Laddove tali requisiti siano riscontrati per la maggior parte del periodo di imposta, il contribuente sarà considerato residente per l’intero anno (anche con riferimento al periodo dell’anno in cui tali requisiti non erano riscontrati). Laddove tali requisiti non siano riscontrati per la maggior parte [...]

Arte o plagio? Nuovamente condannata l’arte appropriativa di Koons

2021-04-12T14:03:12+02:0012 Apr 2021|

La Corte di Appello di Parigi non ha dubbi: Koons ha copiato un’altra volta. Confermando quanto già deciso dal Tribunal de Grande Instance nel novembre 2018, i giudici transalpini, con decisione del 23 febbraio 2021 (https://drive.google.com/file/d/124B_7GtlyAiYq8vhp70l2dmWDbkfmK-7/view), hanno infatti stabilito che l’opera Fait d’Hiver del 1988 di Jeff Koons è una contraffazione dell’omonima fotografia realizzata nel 1984 dal fotografo Franck Davidovici per una pubblicità del marchio di abbigliamento Naf Naf. L’opera di Koons – parte della serie Banality – rappresenta una donna distesa sulla neve accanto a un maiale, che porta al collo una piccola botte del tipo di quelle utilizzate [...]

Commento a Risposta ADE n. 199 del 22 marzo 2021 – Conferimento di partecipazioni da parte di persona fisica in holding, in regime di realizzo controllato

2021-04-09T13:08:21+02:0009 Apr 2021|

Con la risposta in commento, l’Agenzia delle Entrate (“AdE”) prende posizione circa il trattamento fiscale da applicare ad un’operazione di conferimento di partecipazioni ad una holding di nuova costituzione interamente partecipata dall’istante, cui seguirà la cessione delle partecipazioni conferite a favore di una società terza, non residente. La cessione in esame si colloca nel contesto di una operazione di riorganizzazione più ampia in relazione alla quale l’Agenzia delle Entrate non prende posizione. La fattispecie esaminata concerne una persona fisica (“Istante”), titolare delle partecipazioni delle società Alfa S.p.A. e Beta S.r.l. (“Alfa” e “Beta”), di cui detiene rispettivamente il 60% e [...]

La fiscalità del collezionista d’arte: prime considerazioni

2021-04-14T12:51:13+02:0007 Apr 2021|

Il collezionista di opere d’arte deve confrontarsi con questioni di carattere fiscale in ogni fase del collezionismo, dalla fase di acquisto, o di “accumulo”, alla fase (eventuale) di valorizzazione dell’opera d’arte sino alla fase di trasmissione (che si può estrinsecare o sotto forma di cessione delle opere d’arte, oppure sotto forma di donazione o in ambito successorio). In questo contributo ci concentreremo su alcuni risvolti fiscali preliminari relativi alle operazioni di acquisto e cessione di opere d’arte. Partendo, dunque, dalle problematiche che possono sorgere in capo ai collezionisti nella fase di acquisto, è bene innanzitutto sottolineare che gli stessi, in [...]

Brevi riflessioni attorno al diritto di autentica

2021-04-01T16:46:18+02:0001 Apr 2021|

Qualche giorno fa un amico ed esperto del mercato dell’arte, quando gli ho detto che avevo intenzione di scrivere un breve pezzo in tema ei certificati di autenticità delle opere, ma che ero perplessa trattandosi di una tematica più e più volte affrontata, mi ha rassicurata dicendomi che si tratta di un “evergreen”. Non si può che dargli ragione. Le problematiche giuridiche relative a questa questione sono molte e toccano, oltre a profili civilistici, anche questioni di diritto penale. Recentemente il Tribunale di Milano ha ad esempio condannato il gallerista milanese Gabriele Seno per il reato di ricettazione (art. 648 [...]

Il conferimento disgiunto di nuda proprietà e usufrutto nell’ambito dello scambio di partecipazioni ex art. 177, secondo comma TUIR

2021-03-29T11:52:23+02:0029 Mar 2021|

Premessa Come noto l’art. 177, secondo comma, TUIR, disciplinando la fattispecie di scambio di partecipazioni di controllo mediante conferimento, introduce nell’ordinamento il cd. regime di “realizzo controllato”, in forza del quale le partecipazioni ricevute dal conferente all’esito del conferimento “sono valutate, ai fini della determinazione del reddito del conferente, in base alla corrispondente quota di voci di patrimonio netto formato dalla conferitaria per effetto del conferimento”. La fruizione di tale regime realizzativo – derogatorio rispetto al criterio del valore normale di cui all’art. 9 del TUIR e mercé il quale si rende possibile una “sterilizzazione” dell’eventuale plusvalenza emergente dal conferimento [...]

Commento a Risposta ADE n. 159 del 8 marzo 2021 – Fattispecie di realizzo ex art.6, comma 6, del Dlg 461/97

2021-03-25T14:25:45+01:0025 Mar 2021|

L’Istante è una società fiduciaria “statica” che amministra, ai sensi della legge 23 novembre 1966 n. 1939, beni di terzi con o senza intestazione. Per i beni o rapporti situati all’estero, amministrati fiduciariamente con o senza intestazione, ove previsto dalla legge, la società fiduciaria funge da sostituto di imposta – ove possibile - in relazione ai redditi di capitale ed ai redditi diversi percepiti dai clienti fiducianti all’estero e assolve agli obblighi comunicativi, sollevando così il cliente fiduciante dagli obblighi di monitoraggio fiscale posti a suo carico su questi beni. Con riferimento ai mandati fiduciari aventi ad oggetto depositi titoli [...]

Commento a Risposta ADE n. 132 del 2 marzo 2021 – regime fiscale applicabile alle operazioni di cartolarizzazione immobiliare

2021-03-17T15:03:09+01:0017 Mar 2021|

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta a interpello n. 132 del 2 marzo 2021, ha fornito per la prima volta importanti chiarimenti in ordine al regime fiscale dei proventi da gestione immobiliare prodotti nell’ambito di una cartolarizzazione immobiliare. La Legge di Bilancio 2019 (L. n. 145/2018) ha esteso le disposizioni relative alla cartolarizzazione dei crediti anche alle “operazioni di cartolarizzazione dei proventi derivanti dalla titolarità di beni immobili” mediante l’introduzione degli articoli 7, comma 1 lett. b-bis) e 7.2 alla L. n. 130/1999. Pertanto, ad oggi risulta possibile effettuare operazioni di cartolarizzazione che hanno quale bene sottostante non crediti, ma [...]

Commento alla Risposta dell’ AdE n. 106/2021 – Trust e presupposto impositivo ai fini dell’imposta sulle successioni e donazioni

2021-03-08T16:08:55+01:0008 Mar 2021|

Con la risposta n. 106 del 14.02.2021 l’Agenzia delle Entrate ha fornito, in pochi ma concisi passaggi, una notabile interpretazione riguardo al presupposto impositivo rinvenibile, ai sensi delle imposte in commento, con specifico riferimento ai trust. Tralasciando la disamina della fattispecie concreta sottoposta dall’istante, è importante svolgere alcune considerazioni riguardo all’approccio dell’Agenzia che, evidenziamo sin d’ora, appare essere per il momento (1) solo parzialmente innovativo, dati i margini interpretativi; e, ciononostante, (2) di grande impatto, per quanto attiene alla componente riformata di pensiero. Questo contributo si sostanzia ad ogni modo in una disamina dei pochi ma significativi passaggi contenuti nella [...]

La portata espansiva degli Hallmarks D nell’ambito applicativo della DAC 6

2021-03-05T17:40:17+01:0005 Mar 2021|

Premessa La normativa DAC 6 introdotta con la direttiva 2018/822/UE (la “Direttiva”) e recepita a livello domestico mercé il D.lgs. 30 luglio 2020, n. 100, nell’ottica di implementare lo scambio automatico di informazioni tra le Amministrazioni Finanziarie degli Stati Membri, ha introdotto nuovi ed ulteriori obblighi di comunicazione dei meccanismi transnazionali attuati, organizzati o strutturati da un intermediario e messi a disposizione di un contribuente. Il legislatore europeo, ben consapevole delle multiformi dinamiche tramite le quali attualmente si manifestano fenomeni di pianificazione fiscale aggressiva, ha enucleato elementi distintivi dei meccanismi transfrontalieri al verificarsi dei quali appare potenzialmente inferibile l’esistenza di [...]

Commento a Risoluzione ADE n. 12/E del 18 febbraio 2021 – Criteri di territorialità nella fiscalità delle gestioni patrimoniali dei c.d. “neo residenti”

2021-04-14T12:37:37+02:0001 Mar 2021|

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione in commento, ha fornito doverosi chiarimenti in merito ad alcuni aspetti legati al regime fiscale delle gestioni patrimoniali effettuate da soggetti operanti nel settore del private banking – vale a dire l’insieme di servizi di investimento finanziari e di consulenza personalizzati e dedicati alla gestione del patrimonio del cliente – a coloro che si avvalgono del regime opzionale dei c.d. “neo residenti” ex art. 24-bis TUIR. Come noto, la L. n. 232/2016 ha introdotto nel nostro ordinamento l’art. 24-bis TUIR, il quale prevede un’imposta sostitutiva sui redditi di fonte estera per le persone fisiche [...]

Bene culturale giuridicamente proteggibile

2021-02-24T09:35:50+01:0024 Feb 2021|

La nozione di “bene culturale” la si ricava dagli artt. 2, comma 2, 10 e 11 del “Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio” (d.lgs. 22 gennaio 2004 n. 42; di seguito “Codice”). Ai sensi della prima disposizione “sono beni culturali le cose immobili e mobili che, ai sensi degli articoli 10 e 11, presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà” (art. 2, comma 2). In campo legislativo la locuzione “bene culturale” si fa risalire alla Convenzione UNESCO per la [...]

La responsabilità degli amministratori all’interno delle Società Benefit

2021-02-22T12:45:48+01:0022 Feb 2021|

Le Società Benefit, come noto, perseguono l’obiettivo di creare un impatto positivo sulla collettività e sull’ambiente. Per questo motivo, chi amministra tali enti societari ha l’obbligo di tenere in considerazione le conseguenze delle proprie scelte di gestione sulla società, l’ambiente e gli “altri portatori di interesse”. Ai sensi dell’art. 1, comma 380 della L. n. 208/2015, infatti, le Società Benefit devono essere amministrate in modo da bilanciare l’interesse dei soci e perseguire le finalità di beneficio comune e gli interessi delle categorie indicate quali destinatarie dello stesso, in conformità a quanto stabilito dallo statuto. Pertanto, in tali enti societari il [...]

La donazione con condizione di riversibilità

2021-02-19T14:32:32+01:0019 Feb 2021|

La donazione con condizione di riversibilità è disciplinata dagli artt. 791 e 792 c.c. Si tratta di un istituto, piuttosto trascurato nel nostro ordinamento giuridico, che affonda le proprie radici nella legislazione francese di epoca rivoluzionaria. La condizione di riversibilità consente la restituzione al donante del bene donato, libero da pesi o ipoteche, nel caso di premorienza del solo donatario o del donatario e dei suoi discendenti. L’operare della riversibilità produce l’effetto di travolgere tutte le alienazioni dei beni donati, medio tempore effettuate, a patto che non sia pregiudicata la quota di legittima spettante al coniuge del donatario. La ratio [...]

Commento risposta AdE n. 5-2021 – “Valutazione automatica” e determinazione valore quota Società Semplice

2021-02-16T12:30:56+01:0016 Feb 2021|

Con la Risposta n. 5 del 5 gennaio 2021, l’Agenzia delle Entrate ha analizzato l’applicabilità della “Valutazione automatica” così come definita dall’art. 34, comma 5 del D.Lgs. n. 346 del 31 ottobre 1990 (Testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta sulle successioni e donazioni – di seguito denominato “TUS”) alla determinazione del valore di una quota di Società Semplice, che un soggetto persona fisica deve dichiarare in sede di donazione o dichiarazione di successione, quando la suddetta Società Semplice non abbia redatto né bilancio, né inventario, e con particolare riguardo alla valutazione dei beni immobili posseduti dalla società stessa. L’Istante, che [...]

Il rapporto tra le Società Benefit e le Certified B Corp

2021-04-14T12:36:44+02:0011 Feb 2021|

Il mondo imprenditoriale è in continua evoluzione. Mai come in questi ultimi anni stiamo assistendo a una persistente crescita dell’interesse nei confronti sia dell’impatto sociale delle attività di impresa, sia – e soprattutto – degli aspetti reputazionali e di responsabilità sociale delle aziende. Tutto ciò ha portato, nel 2016, all’introduzione della disciplina delle Società Benefit in Italia – primo paese al mondo fuori dagli Stati Uniti a dotarsi di una normativa specifica relativa a tali enti societari. Tuttavia, ancora oggi si tende a fare confusione tra le due diverse nozioni di Società Benefit e B Corp. Le Società Benefit e [...]

Cass. Civ. Sez. V, 24.12.2020 n. 29506 – La discrasia tra profili privatistici e fiscali del patto di famiglia

2021-02-09T15:15:26+01:0009 Feb 2021|

Premessa Con la Cass. Civ. Sez. V, 24.12.2020 n. 29506 la Suprema Corte di Cassazione si è recentemente pronunciata in merito al trattamento impositivo applicabile al patto di famiglia ribaltando il proprio precedente orientamento sul punto espresso con la sentenza n. 32823 del 19.12.2018. In estrema sintesi, nella più recente interpretazione della Corte, la liquidazione, comportando in capo al legittimario un incremento patrimoniale direttamente ed indefettibilmente collegato all’attribuzione dell’azienda o delle partecipazioni al beneficiario, sconterebbe l’applicazione delle aliquote e delle franchigie previste dal D.lgs. n. 346 del 1990 per i rapporti intercorrenti tra il disponente ed il legittimario. Ciò che [...]

La prova del pactum fiduciae – Commento all’Ordinanza della Corte di Cassazione n. 15385 del 20 luglio 2020

2021-02-05T09:38:52+01:0005 Feb 2021|

Il presente contributo si propone di esaminare l’ordinanza n. 15385, emessa dalla Corte di Cassazione in data 20 luglio 2020, che affronta il tema della prova del pactum fiduciae, strettamente connesso a quello dei requisiti di forma del pactum medesimo. Sulla scia dei precedenti orientamenti della Suprema Corte, l’ordinanza chiarisce che anche quando il pactum fiduciae ha ad oggetto un bene immobile, stante il contenuto meramente obbligatorio, non richiede la forma scritta ai fini della sua validità. La vicenda trae origine dall’acquisto di un immobile, fittiziamente intestato per motivi fiscali al figlio del reale acquirente. Dal momento che il figlio [...]

La donazione con riserva di usufrutto

2021-02-01T19:25:55+01:0001 Feb 2021|

La donazione, disciplinata dall’art. 796 c.c., consente al donante di trasferire la nuda proprietà del bene donato, riservando il diritto di usufrutto a proprio vantaggio e, alla sua morte, a vantaggio di un’altra persona o anche di più persone congiuntamente ma non successivamente. L’art. 796 c.c. si riferisce esplicitamente alla riserva di usufrutto, tuttavia, la dottrina non esclude che la norma sia suscettibile di applicazione analogica, pertanto, oggetto della riserva possono essere anche altri diritti reali di godimento quali l’uso, l’abitazione o il diritto di superficie (è esclusa, invece, la riserva di servitù). L’orientamento maggioritario ritiene che la donazione con [...]

La Società Benefit e la deducibilità dei costi

2021-01-29T11:52:31+01:0029 Gen 2021|

Le Società Benefit sono individuate dall’art. 1 comma 376 della L. n. 208/2015 come quegli enti che, nello svolgimento della propria attività economica, oltre che per dividerne gli utili, perseguono una o più finalità di c.d. “beneficio comune”. Tali società devono, pertanto, operare in modo responsabile, sostenibile e trasparente nei confronti di persone, comunità, territori e ambiente, beni e attività culturali e sociali, enti e associazioni e altri portatori di interesse (quali lavoratori, clienti, fornitori, creditori, finanziatori, P.A. e società civile). Il concetto di “beneficio comune” viene specificamente identificato alla lett. a) del successivo comma 378 dell’art. 1, nel perseguimento, [...]

Il legato in sostituzione di legittima

2021-01-27T17:31:28+01:0027 Gen 2021|

Il presente contributo ha ad oggetto il legato in sostituzione di legittima, istituto disciplinato dall’art. 551 c.c. Si tratta di uno strumento con il quale il testatore può tacitare le pretese del proprio legittimario (coniuge, figlio o ascendente) mediante l’attribuzione a titolo particolare di un determinato cespite, evitando che questi assuma la qualità di erede. A seguito dell’apertura della successione, infatti, qualora il legatario-legittimario intenda trattenere il legato perde il diritto di agire in riduzione per conseguire la legittima, anche nel caso in cui il valore del legato sia inferiore alla quota prevista dalla legge. Se al contrario il legatario-legittimario [...]

Commento alla risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 628 del 29 dicembre 2020 – Regime IVA applicabile ai servizi di consulenza resi dell’Advisor a favore di una società autorizzata alla gestione dei fondi di investimento alternativi (FIA)

2021-01-18T12:26:32+01:0018 Gen 2021|

Con la risposta n. 628 del 29 dicembre 2020 l’Agenzia delle Entrate è entrata nel merito del regime IVA applicabile alle prestazioni di servizi rese nei confronti di una società autorizzata alla gestione dei c.d. “fondi di investimento alternativi” (FIA). Nel caso di specie, l’istante, società di gestione di fondi di investimento alternativi chiusi mobiliari – riservati a investitori internazionali qualificati, come fondi pensione, imprese di assicurazione e banche – ha chiesto all’Amministrazione finanziaria se i servizi di consulenza prestati da una propria controllata estera rientrassero nell’ambito di applicazione dell’art. 10 comma 1, n. 1) del D.P.R. n. 633/1972. Tale [...]

La fiscalità degli OICR UE e SEE alla luce delle modifiche apportate dalla legge di bilancio 2021

2021-01-14T13:32:56+01:0014 Gen 2021|

Premessa La L. n. 178 del 30 dicembre 2020 (legge di bilancio 2021) prevede l’introduzione di un’interessante – e auspicata – disposizione tesa ad appianare il diverso trattamento fiscale previsto per i fondi di investimento europei rispetto a quelli domestici. Benché la novella non possa che essere accolta con entusiasmo, il dettato normativo lascia aperti alcuni interrogativi di ordine sistematico ed applicativo.   Le novità Come noto, ai sensi dell’art. 73, comma 5-quinquies del testo unico delle imposte sui redditi, i fondi d’investimento istituiti nel territorio dello Stato godono di un regime di favore che prevede la non imponibilità, presso [...]

La surroga del creditore nell’azione di riduzione spettante al legittimario leso o pretermesso

2021-01-13T18:56:36+01:0013 Gen 2021|

Il presente contributo affronta il tema della legittimazione del creditore del legittimario leso o pretermesso ad esperire l’azione di riduzione in via surrogatoria. La questione in esame si pone in quanto non è infrequente che il testatore, al fine di tutelare il patrimonio ereditario dalle aggressioni dei creditori dei propri eredi, disponga, in favore degli eredi indebitati, per una quota inferiore alla legittima o decida di escluderli del tutto dalla successione. Si tratta, pertanto, di indagare i rimedi attivabili dai creditori per il caso in cui i legittimari lesi o pretermessi, anche in accordo con il testatore, trascurino di tutelare [...]

Commento alla risposta AdE n. 636/2020 – Partnership d’investimento di diritto estero e disciplina delle società di comodo

2021-01-11T14:16:36+01:0011 Gen 2021|

Con la risposta n. 636 del 31.12.2020 l’Agenzia delle Entrate è entrata nel merito del meccanismo di calcolo dei ricavi minimi presunti da applicare ad un particolare investimento finanziario - effettuato da una società di capitali residente - ai sensi della disciplina delle c.d. “società non operative” (società di comodo). In proposito, giova rammentare che l’art. 30 comma 1 lett. a) della L. n. 724/1994 prevede che, ai fini del computo dei ricavi minimi presunti – da confrontare con i ricavi effettuati allo scopo di verificarne lo status di società non operativa – è necessario applicare il coefficiente del 2% [...]

La surroga del creditore nel diritto di accettare l’eredità

2020-12-23T14:20:58+01:0023 Dic 2020|

Il presente contributo ha lo scopo di analizzare i rimedi esperibili dal creditore nel caso in cui il debitore, chiamato all’eredità, trascuri di esercitare il diritto di accettazione. L’inerzia del chiamato, infatti, rischia di pregiudicare i creditori i quali, non potendo contare sull’incremento patrimoniale derivante dalla delazione, non possono vedere rafforzata la garanzia patrimoniale generica loro spettante ai sensi dell’art. 2740 c.c. Ci si chiede, pertanto, se il creditore possa sostituirsi al debitore e, per il tramite dell’azione surrogatoria di cui all’art. 2900 c.c., accettare l’eredità per suo conto. L’azione surrogatoria è un rimedio esperibile a condizione che il diritto [...]

Commento ordinanza corte di cassazione n. 27665 del 2020

2020-12-15T16:48:14+01:0015 Dic 2020|

La Corte di Cassazione, con l’importante pronuncia in commento, si allinea all’orientamento già da tempo prevalente sia in dottrina, sia nella prassi dell’Agenzia delle Entrate (si veda la Circolare n. 30/E dell’11 agosto 2015, par. 1.2, relativa alla c.d. “Collaborazione Volontaria”), in base al quale è essenziale procedersi all’armonizzazione della disciplina prevista dall’art. 56-bis D.Lgs. n. 346/1990 con le norme che disciplinano la reintroduzione dell’imposta sulle successioni e donazioni (art. 2 D.L. n. 262/2006). La questione prende le mosse dalla disciplina impositiva delle c.d. “liberalità indirette”, ex art. 56-bis D.Lgs. n. 346/1990. Tale norma distingue due differenti tipologie di imposizione, [...]

Commento breve in tema di imposta patrimoniale e imposizione sui trasferimenti di patrimoni

2020-12-07T00:51:51+01:0007 Dic 2020|

In questo contributo forniremo un commento, per le vie brevi, alle recenti voci di introduzione di un’imposta patrimoniale in Italia, svolgendo una riflessione che coinvolge più in generale il tema della tassazione dei patrimoni nell’attuale contesto normativo. Abbiamo già qui commentato la Sentenza della Corte Costituzionale n.121/2020, relativamente ad alcuni passaggi svolti dalla Corte volti ad accertare l’eccessiva premialità accordata dalla normativa vigente in ordine ai trasferimenti di aziende e partecipazioni sociali, sia inter vivos quanto mortis causa. In che misura riteniamo significativo riportare questo contributo sul terreno più ampio della discussione sulla tassazione dei patrimoni?   E’ opportuno a [...]

Tassazione dividendi distribuiti a Società Semplici

2020-12-07T00:29:07+01:0003 Dic 2020|

La disciplina fiscale concernente la fattispecie della distribuzione di utili a favore di Società Semplici è stata modificata con l’emanazione del Decreto Legge n. 124 del 2019 e l’introduzione dell’art. 32-quater. Lo stesso dispone che i dividendi corrisposti alla Società Semplice da soggetti IRES residenti in Italia si intendono distribuiti per trasparenza ai soci con l’applicazione del rispettivo regime fiscale a seconda della tipologia di socio percipiente: se il socio della società semplice è un soggetto IRES residente il reddito è escluso da tassazione per il 95%; se il socio della società semplice è un soggetto IRPEF che svolge attività [...]

Le Fondazioni come strumento di gestione di beni culturali

2020-12-02T17:02:14+01:0026 Nov 2020|

Quando si parla di “fondazioni culturali” si pensa di solito a un tipo generale di fondazione che si occupa di cultura. Dal punto di vista giuridico, si tratta in realtà di un tipo di fondazione previsto specificatamente dalla legge. La prima normativa che si è occupata della materia è stato il decreto che ha istituito il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (D. Lgs. 368/1998; “MIBACT” o “Ministero”), che si occupava, all’art. 10, appunto di disciplinare le forme attraverso cui il MIBACT poteva gestire i propri beni, stabilendo in particolare che esso avrebbe potuto “stipulare accordi con amministrazioni pubbliche [...]

Mercato dell’arte e antiriciclaggio

2020-12-01T12:54:56+01:0019 Nov 2020|

Nonostante l’attuale contrazione del mercato dovuta alla crisi epidemiologica in corso, stando agli ultimi dati disponibili, e in particolare al report The Art Market 2020, i valori delle transazioni nel mercato dell’arte e dell’antiquariato si sono aggirati, nel corso del 2019, attorno ai 64 miliardi di dollari. Si può dunque parlare di un giro d’affari di tutto rispetto, anche tenendo conto del fatto che, se da un lato è diminuito in termini assoluti il valore delle vendite, dall’altro é aumentato di due punti percentuali il numero delle transazioni, che ha raggiunto i 40 miliardi di dollari e il record più [...]

Passaggi generazionali d’azienza, possibile ombra sulle agevolazioni – commento Sent. CC n. 120 del 2020

2020-11-13T16:12:06+01:0013 Nov 2020|

Con la sentenza in commento la Corte Costituzionale si sofferma sulla natura e sulla ratio dell’agevolazione di cui all’art. 3, comma 4-ter del testo unico delle imposte di successione e donazione. A prescindere dalla fattispecie concreta dalla quale scaturisce il giudizio di costituzionalità in discorso, ciò che più interessa è il percorso argomentativo compiuto dalla Corte nell’avanzare numerosi dubbi in ordine alla congruità della norma rispetto agli obiettivi asseritamente perseguiti. Preliminarmente, la Corte si focalizza sulle varie tipologie di agevolazioni distinguendo tra quelle aventi natura “strutturale”, che si rendono necessarie per esigenze di coerenza del presupposto impositivo o per dare [...]

Le Comunicazioni di Anomalia dell’Agenzia delle Entrate sui rapporti esteri: trust, polizze e intermediari esteri alla prova del CRS

2020-11-12T10:38:25+01:0012 Nov 2020|

Il recente provvedimento n. 348195/2020 dell’Agenzia delle Entrate si colloca formalmente nel solco di un percorso di riqualificazione del rapporto tra Amministrazione Finanziaria e contribuente - quantomeno sotto l’insegna di una maggiore trasparenza. E’ data notizia ed attuazione dell’invio ai contribuenti da parte dell’AdE di comunicazioni formali recanti potenziali anomalie relative ad attività patrimoniali detenute all’estero con riferimento all’annualità 2017; anomalie che possono trovare diverse modalità di definizione, in positivo ovvero in negativo, e in tal ultimo caso certamente mediante espresso rinvio all’istituto del ravvedimento.   Il patrimonio informativo dal quale i sistemi di controllo dell’AdE attingono e che è [...]

Fondazioni di partecipazione e Registro Unico Terzo Settore

2020-11-05T14:06:14+01:0005 Nov 2020|

Le Fondazioni di Partecipazione sono enti caratterizzati da elementi riconducibili in parte alla disciplina delle fondazioni e in parte alla disciplina delle associazioni. nel dettaglio, si tratta di fondazioni in cui: sono presenti una pluralità di fondatori o conferenti; vi è un attivo coinvolgimento dei fondatori/conferenti nella fase attuativa del programma della fondazione. Ad essi, infatti, può essere attribuito statutariamente il potere di nomina e di revoca dei componenti dell’organo amministrativo; possono riunirsi in organi collegiali con il potere di deliberare le linee d’azione della fondazione in funzione del raggiungimento dello scopo indicato nello statuto., nel rispetto dei limiti imposti [...]

La fiscalità degli investimenti in oro

2020-10-29T12:49:44+01:0029 Ott 2020|

Premessa In periodi contraddistinti da estrema incertezza sui mercati e grandi oscillazioni del valore dei titoli, l’oro rappresenta un’appetibile forma di investimento a basso rischio finalizzato al mantenimento del valore del capitale nel tempo. L’oro, per sue caratteristiche intrinseche, infatti, si presta ad essere oggetto di investimento per la sua portabilità, divisibilità, indistruttibilità, riconoscibilità quale mezzo di pagamento e, soprattutto, per il valore che conserva nel tempo. L’appetibilità dell’oro quale bene rifugio in periodi di incertezza sui mercati e di volatilità dei titoli emerge con evidenza se solo si osservi l’andamento del listino oro che, negli ultimi 20 anni, ha [...]

Amministrazione senza consegna di opere d’arte e oggetti preziosi

2020-10-29T12:06:43+01:0029 Ott 2020|

Un problema che interessa i collezionisti che possiedono opere d’arte o oggetti preziosi (di seguito definiti “Beni”) all’estero è quello di doverli regolarizzare in Italia dal punto di vista fiscale. Si tratta di una questione di non poco conto in quanto comporta per il collezionista la necessità di rivolgersi ad un professionista ad hoc perla compilazione del quadro RW della propria dichiarazione dei redditi al fine di calcolare eventuali imposte da versare, il tutto ad un costo  non irrisorio. Esiste, tuttavia, un modo per semplificare tale procedura e contenere i costi, che consiste nell’affidare l’amministrazione di tali beni esteri, nel [...]

Fondazioni – aspetti fiscali

2020-10-14T09:37:04+02:0014 Ott 2020|

Il regime fiscale delle fondazioni si distingue a seconda della loro qualificazione come ente non commerciale o commerciale. L’articolo 73 del Tuir definisce come enti non commerciali gli enti pubblici e privati diversi dalle società che non hanno per oggetto esclusivo o principale l’esercizio di attività commerciale o agricole ex art. 2195 c.c.; l’oggetto esclusivo o principale è determinato in base alla legge, all’atto costitutivo o allo statuto e si riferisce all’attività volta a realizzarne direttamente gli scopi primari. Qualora l’ente svolga sia attività commerciale che non commerciale, occorre tener conto anche il requisito della prevalenza dei seguenti parametri per [...]

Fondazioni – aspetti civilistici

2020-10-14T09:36:11+02:0014 Ott 2020|

Le Fondazioni, disciplinate agli artt. 14 e ss. cc., sono tradizionalmente definite come un complesso di beni destinato al perseguimento di uno scopo di pubblica utilità. In passato il riconoscimento che attribuiva loro la personalità giuridica avveniva con Decreto del Presidente della Repubblica, attualmente invece è richiesta l’autorizzazione del Prefetto del luogo in cui l’ente ha sede. La domanda di riconoscimento viene presentata al Prefetto, allegando alla stessa Atto costitutivo e Statuto della fondazione ed il procedimento deve concludersi positivamente nel termine massimo di 120 giorni. Una volta ottenuto il riconoscimento, e, quindi, la personalità giuridica, gli enti acquistano la [...]

Le polizze vita unit e index linked

2020-10-13T15:12:46+02:0013 Ott 2020|

Le polizze assicurative si sono affermate come un valido strumento di tutela e segregazione patrimoniale sia per la varietà dei prodotti offerti dal mercato, sia per il regime fiscale di favore che le caratterizza. Di frequente, ormai, le polizze assicurative sono utilizzate per la pianificazione patrimoniale e successoria, per ottimizzare il passaggio generazionale o semplicemente per investire. Il presente contributo si focalizza su una particolare tipologia di polizze assicurative, caratterizzate da una preponderante componente finanziaria, che consente potenziali margini di guadagno in favore dei contraenti o dei terzi beneficiari. Ci si riferisce, in particolare, alle polizze vita unit linked e [...]

Intestazione fiduciaria di immobili

2020-10-07T09:34:18+02:0007 Ott 2020|

Ogni soggetto che intende acquistare un immobile e vuole mantenere la riservatezza, per motivi personali o commerciali, sul fatto di esserne l’effettivo proprietario, può dare incarico ad un soggetto professionalmente competente, di intestarsi l’immobile in questione a proprio nome ma per suo ordine e conto. Il “Contratto di intestazione fiduciaria di un immobile” in cui il fiduciario è una società fiduciaria, operante in conformità alla L. n. 1966 del 1939, permette al soggetto sottoscrittore di mantenere la proprietà effettiva del bene in questione ed il controllo gestionale dello stesso in quanto il soggetto fiduciario, che è solo un intestatario formale, [...]

Intestazione fiduciaria di beni di terzi

2020-10-07T09:31:01+02:0007 Ott 2020|

Il contratto di “Intestazione fiduciaria di beni di terzi” consente ad un soggetto persona fisica o giuridica, detto “fiduciante” di intestare formalmente un proprio bene o diritto ad un altro soggetto detto “fiduciario”, mantenendone la proprietà sostanziale. Il fiduciario amministrerà tali beni o diritti in maniera statica, ossia seguendo precise istruzioni scritte impartite dal fiduciante. Il fiduciante, inoltre, può in ogni momento rientrare in possesso del bene oggetto di tale contratto dandone semplice comunicazione scritta al fiduciario. Si tratta di un “mandato senza rappresentanza”. L’unico particolare caso in cui il fiduciante non può riavere indietro il proprio bene o diritto [...]

Holding di famiglia – aspetti fiscali

2020-10-07T08:53:15+02:0007 Ott 2020|

In relazione alla normativa applicabile ai soggetti operanti nel settore finanziario, risulta fondamentale il riferimento all’art. 12 del D.Lgs n. 142 del 29 novembre 2018 (Decreto ATAD – decreto legislativo di recepimento della Direttiva 2016/1164 ATAD 1), che, da ultimo, revisiona la normativa fiscale delle holding.   Tale Decreto ha introdotto importanti e molteplici novità che ruotano intorno ad una nuova e definitiva nozione di “intermediario finanziario” cui si affianco le nozioni di “società di partecipazione finanziaria” ( le holding finanziarie) e “società di partecipazione non finanziaria” (ossia le holding industriali o familiari), nozioni valide ai fini fiscali ossia ai [...]

Il Contratto di affidamento fiduciario

2020-10-06T13:17:53+02:0006 Ott 2020|

Con il contratto di affidamento fiduciario l’affidante trasferisce all’affidatario, che ne diventa fiduciariamente titolare, beni o diritti che entrano a far parte, temporaneamente, del patrimonio dell’affidatario, dando origine, però, ad un “patrimonio segregato” rispetto al resto dei beni ad esso intestati. La segregazione comporta che tali beni non possano essere aggrediti dai creditori personali dell’affidatario, non rientrino nella comunione legale con il coniuge e non cadano in successione ereditaria dell’affidatario stesso. L’affidatario è tenuto ad amministrare i beni ed i diritti oggetto del suddetto contratto a vantaggio di uno o più beneficiari, seguendo uno specifico programma predisposto dal fiduciante, che [...]

Digitalizzazione dei beni culturali

2020-12-01T12:55:51+01:0006 Ott 2020|

Nell’anno appena trascorso, in cui sono stati celebrati i cinquecento anni dalla morte di Leonardo, le mostre dedicate al genio rinascimentale sono state davvero infinite. Tra le più importanti la retrospettiva al Louvre, dove sono state esposte, oltre alle opere di proprietà del museo, lavori provenienti dai più importanti musei al mondo, come ad esempio il Ritratto di Musico della Pinacoteca Ambrosiana di Milano. Nel periodo della mostra parigina, la Pinacoteca ha esposto una copia digitalizzata del Ritratto di Musico, che certo non è come l’originale ma che almeno non lascia un “buco” nel percorso espositivo e non crea (eccessiva) [...]

Carica altri articoli